DISTRETTI INDUSTRIALI E RETI D'IMPRESA

Docenti: 
Codice dell'insegnamento: 
10028*11200*2015*2015*9999
Crediti: 
8
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Settore scientifico disciplinare: 
ECONOMIA APPLICATA (SECS-P/06)
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Lingua dell'insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire agli studenti una conoscenza avanzata dei fondamenti teorici della cooperazione fra imprese attraverso l’analisi critica dei principali modelli di organizzazione industriale relativi alle piccole e medie imprese (PMI).
I potenziali vantaggi di competitività che un’impresa ottiene della cooperazione con altre imprese saranno verificati empiricamente con riguardo ai distretti industriali e alle reti d’impresa.
Alla fine del corso gli studenti avranno acquisito:
- le conoscenze necessarie per comprendere le caratteristiche costitutive dei distretti industriali e delle reti d’impresa;
- le capacità di applicarle alla progettazione e gestione di reti d’impresa;
- l’autonomia di giudizio per valutare i vantaggi di competitività di un’impresa appartenente a un distretto o a una rete d’impresa e orientarne il cambiamento;
- le abilità comunicative, mediante l’utilizzazione di un linguaggio tecnico appropriato, per avviare o promuovere una partnership imprenditoriale di rete;
- la capacità di apprendere attraverso l’andirivieni tra riflessione teorica e osservazione dei fatti.

Il corso si propone di fornire agli studenti una conoscenza avanzata dei fondamenti teorici della cooperazione fra imprese attraverso l’analisi critica dei principali modelli di organizzazione industriale relativi alle piccole e medie imprese (PMI). I potenziali vantaggi di competitività che un’impresa ottiene della cooperazione con altre imprese saranno verificati empiricamente con riguardo ai distretti industriali e alle reti d’impresa.
Alla fine del corso gli studenti avranno acquisito:
– le conoscenze necessarie per comprendere le caratteristiche costitutive dei distretti industriali e delle reti d’impresa;
– le capacità di applicarle alla progettazione e gestione di reti d’impresa;
– l’autonomia di giudizio per valutare i vantaggi di competitività di un’impresa appartenente a un distretto o a una rete d’impresa e orientarne il cambiamento;
– le abilità comunicative, mediante l’utilizzazione di un linguaggio tecnico appropriato, per avviare o promuovere una partnership imprenditoriale di rete;
– la capacità di apprendere attraverso una continua interazione tra riflessione teorica e osservazione dei fatti.

Prerequisiti

Contenuti dell'insegnamento

(1) Introduzione al corso: la cooperazione tra imprese; (2) Il distretto industriale; (3) I distretti industriali nell'esperienza italiana; (4) Distretti territoriali vs. distretti funzionali; (5) Le reti d'impresa; (6) Contratti di rete: studi di caso; (7) Distretti industriali e reti d'impresa: due modelli complementari di reti.

(1) Introduzione al corso: la cooperazione tra imprese; (2) Il distretto industriale; (3) I distretti industriali nell'esperienza italiana; (4) Distretti territoriali vs. distretti funzionali; (5) Le reti d'impresa; (6) Contratti di rete: studi di caso; (7) Distretti industriali e reti d'impresa: due modelli complementari di reti.

Programma esteso

Bibliografia

"Dai distretti industriali alle reti d’impresa: teoria e pratica", una raccolta di letture a cura del docente.

Letture fornite dal docente.

Metodi didattici

Acquisizione delle conoscenze e della capacità di comprensione: lezioni frontali e seminari con manager di reti d’impresa.
Acquisizione delle capacità di applicare le conoscenze: esercitazioni.
Acquisizione dell’autonomia di giudizio: durante il corso gli studenti saranno stimolati a riflettere criticamente sui potenziali vantaggi di competitività che le imprese appartenenti a distretti industriali e reti d’impresa possono ricevere.
Acquisizione di abilità comunicative: discussione di studi di caso.
Acquisizione delle capacità di apprendere: ciascun studio di caso sarà valutato con riguardo alla coerenza tra il quadro di riferimento teorico e normativo e la sua implementazione.

Acquisizione delle conoscenze e della capacità di comprensione: lezioni frontali e seminari con manager di reti d’impresa.
Acquisizione delle capacità di applicare le conoscenze: esercitazioni.
Acquisizione dell’autonomia di giudizio: durante il corso gli studenti saranno stimolati a riflettere criticamente sui potenziali vantaggi di competitività che le imprese appartenenti a distretti industriali e reti d’impresa possono ricevere.
Acquisizione di abilità comunicative: discussione di studi di caso.
Acquisizione delle capacità di apprendere: ciascun studio di caso sarà valutato con riguardo alla coerenza tra i principali aspetti del quadro di riferimento teorico e normativo e la loro implementazione.

Modalità verifica apprendimento

Esame scritto (di gruppo) / esame orale (individuale).

Le conoscenze acquisite, la capacità di comprenderle e di applicarle con autonomia di giudizio, saranno accertate attraverso l’elaborazione di un saggio critico di circa 3500 parole, che prevede un lavoro di gruppo, tipicamente composto da tre studenti (valutato fino 20/30). La capacità di comunicare con linguaggio tecnico appropriato sarà accertata individualmente attraverso l’esposizione orale e multimediale del saggio critico (valutata fino a 4 punti) integrata, allo scopo di valutare la capacità di apprendimento, da una prova orale individuale consistente in due domande (valutate fino a 3 punti ciascuna).

Esame scritto.
L’esame sarà composto da 3 domande, da completare in 2 ore. Le conoscenze acquisite, la capacità di comprenderle e di applicarle con autonomia di giudizio, saranno accertate valutando l’accuratezza e la coerenza delle risposte. La capacità di comunicare con il linguaggio tecnico appropriato sarà accertata valutando il linguaggio usato nelle risposte alle domande.

Altre informazioni