GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE (LM)

Crediti: 
9
Settore scientifico disciplinare: 
ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (SECS-P/11)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Al termine del corso gli studenti dovrebbero avere sviluppato le seguenti competenze:
a. Conoscenza e capacità di comprensione
Il corso si propone di far acquisire agli studenti i riferimenti utili per un’adeguata pianificazione finanziaria a sostegno dei piani d’impresa e della creazione di valore.
b. Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Il corso intende mostrare agli studenti l’impiego delle metodologie e degli strumenti in grado di aiutare le imprese nella crescita e nello sviluppo in un'ottica di equilibrio finanziario.
c. Autonomia di giudizio
Il corso cerca di contribuire allo sviluppo di un atteggiamento critico nei confronti dei modelli di pianificazione finanziaria e di valutazione degli investimenti.

d. Abilità comunicative
Il corso vuole formare persone in grado di interagire con gli imprenditori, con le banche e con i consulenti aziendali con riguardo ai temi della creazione del valore, dell’equilibrio finanziario e della programmazione finanziaria d’impresa.
e. Capacità di apprendere
Il corso mira in sostanza a fornire agli studenti i principali elementi per permettere loro di sviluppare, implementare e/o valutare successivamente, in ambito lavorativo, le scelte finanziarie d'impresa in un'ottica di creazione del valore.

Contenuti dell'insegnamento

Il corso si occupa della gestione finanziaria delle imprese. Gli argomenti, affrontati sia dal punto di vista teorico che operativo, spaziano dalla definizione di un’adeguata politica di remunerazione del capitale fino agli elementi per la misurazione e la massimizzazione del valore aziendale.

Bibliografia

Corporate finance 2/ed
Edizione italiana a cura di Sandro Frova
di: David Hillier, Stephen Ross, Randolph Westerfield, Jeffrey Jaffe e Bradford Jordan
McGraw-Hill
2015

Metodi didattici

Acquisizione delle conoscenze: attraverso le lezioni frontali.
Acquisizione della capacità di applicare le conoscenze: con i casi e le esercitazioni.
Acquisizione dell’autonomia di giudizio: durante il corso gli studenti verranno stimolati a individuare pregi e difetti dei modelli, delle soluzioni proposte e degli strumenti di lavoro impiegati.
Acquisizione delle capacità di apprendimento: si cercherà di partire dall’illustrazione dei problemi da risolvere per poi analizzare criticamente le soluzioni possibili.
Acquisizione del linguaggio tecnico: durante l’insegnamento verrà illustrato il significato dei termini comunemente usati dalla comunità finanziaria.

Modalità verifica apprendimento

Esame scritto. Sono possibili prove parziali. La verifica delle conoscenze acquisite e della capacità di applicarle avverrà attraverso 5 domande: tre di natura più teorica, più o meno ampie, finalizzate a verificare: a) le conoscenze e la capacità di comprensione, b) l’autonomia di giudizio e c) la capacità di comunicare con linguaggio tecnico appropriato, e due a contenuto più strettamente applicativo, orientate a verificare: a) la capacità di applicare le conoscenze e b) la capacità di apprendimento per l’implementazione e lo sviluppo dei modelli e/o dei percorsi logici mostrati. Ciascuna domanda verrà valutata fino a un massimo di 6 punti.